Penne alla Larcianese: ricetta segreta legata alla Coppa Italia e a Idilio Cei

Una storia di Calcio, di Amicizia e Buona Tavola. Tutto nasce  con la Coppa Italia. Trofeo che il portierone di Castelmartini Idilio Cei prima conquista con la Lazio. Poi, a fine carriera, porta la sua Larcianese a disputarne a Roma la finale nazionale Dilettanti. Idilio Cei, oltre 200 partite in Serie A e tanti trofei, anche le Penne alla Larcianese

Era l’estate del 1975 e Giorgio Russi presenta a una festa di paese le sue le Penne alla Larcianese. Queste le uniche certezze: tutta Larciano le ama, alcuni le cucinano: ma la ricetta, il giusto mix di ingredienti non lo conosce nessuno! Nate per festeggiare un grande calciatore di Castelmartini, Idilio Cei, la Larcianese  e la Coppa Italia. Vediamo perchè! – nella foto di copertina Idilio Cei fonte Wikipedia

Penne alla Larcianese, una ricetta legata al calcio e alla Coppa Italia.

La U.S. Larcianese, la squadra di calcio di Larciano, compie nel 2022 i cento  anni

Idilio Cei – SS Lazio fonte wikipedia

dalla fondazione. Nell’estate del 1975 raggiunse il suo piu’ importante traguardo, la finale Coppa Italia Dilettanti, disputata a Roma contro il Banco di Roma. La squadra romana ebbe la meglio sui toscani per 2 a 0, ma soltanto ai supplementari.

Per festeggiare degnamente l’evento Giorgio Russi, apprezzato cuoco di Larciano crea appunto le Penne alla Larcianese, dedicandole al suo idolo Valerio Idilio Cei.

Per tutti Idilio (Castelmartini, 8 giugno 1937 – Larciano, 24 marzo 1996),  era il portiere e allenatore della Larcianese, dove decide di finire la sua lunga e  importante carriera di calciatore. Ha giocato in diverse squadre, giocando oltre 200 partite in serie A. Difendendo la porta di Lazio, con cui vince una Coppa Italia,  e Palermo. A lui è dedicato lo stadio di Larciano.

“Quest’anno ricorre il centenario della squadra del nostro Comune.  Larciano così come tutto il Montalbano: terre di sport, di impegno e passione. – ci ha dichiarato Lisa Amidei sindaca di Larciano – Da sempre chi milita come giocatore, allenatore o dirigente della Larcianese diventa un tutt’uno con la squadra; il tempo dedicato nel seguire la squadra diventa vitale come l’aria che si respira. Una squadra che in questi 100 anni ha dato tante emozioni ai nostri cittadini e che proprio per questo e’ giusto festeggiare.”

Le Penne: da provare all’Agripoggetto Larciano per  scoprire la ricetta

In realtà non sembra difficile la ricetta, quanto in giusto mix di ingredienti. Per dare la giusta cremosità alle penne e non far prevalere un ingrediente, un gusto, un sapore a discapito degli altri. Tutti i larcianesi le amano ma se chiedi qualche particolare i dettagli si confondono. In origine le penne erano rigate o lisce? E il parmigiano? Ci vanno i funghi champignon? Sono “strascicate” in padella? I casi sono due: o memoria (e palato) corta o il segreto del paese è ben conservato. In ogni caso noi ci siamo avventurati, a modo nostro ….. Voi provatele all’ Agripoggetto Larciano, le cucina Fabrizio Russi.

Penne alla Larcianese – ingredienti e ricetta –  non originale

per sei persone
480 gr di penne rigate
300 gr di macinato di manzo
160 gr di  Pisellini surgelati
100 gr di prosciutto cotto a cubetti
4/5 funghi champignon
100 gr di  misto per Soffritto carota, cipolla, sedano, prezzemolo
alcune foglie di prezzemolo
3 cucchiai di panna da cucina
300 gr di passata di pomodoro 
1 cucchiaio di olio Evo
1/2 bicchiere di vino bianco
sale e pepe quanto basta
  1. In una padella grande, soffriggere la carne con l’olio, poi aggiungere le verdure tritate e soffriggere ancora 3-4 minuti.
  2. Sfumare con il vino, versare la passata e 2 mestoli d’acqua calda.
  3. Lasciar cuocere 20 minuti, salare e aggiungere i Pisellini scongelati.
  4. Dopo un paio di minuti aggiungere i funghi champignon, puliti bene e affettati.
  5. Cuocere altri 5-6 minuti facendo ridurre, regolare di sale e pepe.
  6. Levare dal fuoco e aggiungere il prosciutto cotto a dadini.
  7. Nel frattempo cuocere la pasta in abbondante acqua salata,
  8. Scolare la pasta e mantecare con il sugo preparato e la panna.
  9. Servire con qualche foglia di prezzemolo.

Le Penne alla Larcianese e il Rosè Querciamatta

Abbiamo abbinato le nostre  Penne alla Larcianese con un ottimo Sangiovese 100% Rosè Querciamatta, prodotto in una tenuta di Monsummano Terme, a pochi chilometri da Larciano. Due località della provincia di Pistoia, alle pendici occidentali del Montalbano e alle porte della Valdinievole.

Un I.G.T. Toscano rosato del 2020, 100% uva Sangiovese e 13 gradi. Un gradevole profumo di fiori bianchi, leggere note di pesca e albicocca. Dalla beva intrigante, che pulisce gradevolmente il palato dal sugo e dalla panna. Da servire fresco.

Tenuta Querciamatta 

Le Penne alla Larcianese – usare ingredienti di qualità

L’importante è non fare, come direbbe lo chef Bruno Barbieri, un “mappazzone”. Trovare il giusto mix nella quantità degli ingredienti, avere la giusta tecnica, per le cotture e per la mantecatura. E scegliere ingredienti di qualità: una ricetta con ingredienti semplici ma che devono essere, come sempre quando vogliamo mangiare bene, di qualità. Con una spesa da fare in una bottega di fiducia.